Badante convivente oppure no? Qualche suggerimento per scegliere

badante-convivente-oppure-no-qualche-suggerimento-per-scegliere

Scelta della badante: convivente oppure no? Questo è il dilemma che spesso affligge coloro che hanno l’esigenza di assumere un’assistente domiciliare e che maggiormente mette in difficoltà. Nel nostro articolo andremo ad analizzare quando conviene orientarsi su una scelta rispetto a un’altra.

La badante convivente risiede con l’assistito pertanto è presente in casa anche la notte, fattore non certo da sottovalutare soprattutto per chi deve prendersi cura di una persona non autosufficiente o affetta da patologie come l’Alzheimer. In questo caso il coniuge o le altre persone che vivono con la persona da accudire possono sempre contare su un appoggio in caso di necessità o nel caso in cui le nottate dovessero risultare particolarmente agitate.

Al contrario una badante non convivente non sarà presente in casa durante tutto l’arco della giornata, bensì avrà un orario lavorativo prestabilito, non conviverà con l’assistito e pertanto dovrà disporre di un proprio domicilio.

Quale soluzione è la più conveniente?

Esistono contratti standard per le badanti che però possono subire modifiche in accordo tra le parti. In linea di massima si parla comunque di una media di 54 ore settimanali lavorative per quelle conviventi e 40 per quelle che non lo sono. A entrambe spettano giorni di riposo e ore libere durante la giornata e, nello specifico, a quelle conviventi ne spettano 11 consecutive nel corso della giornata.

È anche vero però che un’assistente domiciliare che vive sotto lo stesso tetto dell’assistito, potrà offrire un appoggio in caso di necessità straordinarie, ma potrà essere anche di compagnia per chi vive in casa, quindi eventuali coniugi e familiari che seguono la persona malata o anziana.

Quando conviene una badante a ore

Una badante non convivente è consigliabile quando:

  • L’anziano non presenta un quadro clinico grave, è abbastanza autosufficiente, ma necessita di una figura che lo aiuti in alcune faccende o gli tenga compagnia
  • Serve una persona che svolga attività domestiche, quali pulizia, bucato e preparazione dei pasti, oppure svolga commissioni per suo conto
  • Si ha l’esigenza di una persona che possa accompagnare l’anziano a visite, appuntamenti e durante quotidiane passeggiate
  • L’assistito deve essere seguito per l’assunzione di farmaci oppure abbia bisogno supporto per curare la propria igiene personale.

Una badante convivente svolge tutte le mansioni di una assunta a ore, ma in più vive con la famiglia per cui lavora, risultando di fatto una presenza costante, ideale per chi per esempio è solo oppure non autosufficiente.

Sei in dubbio sulla tipologia di assistente domiciliare da assumere? Noi possiamo aiutarti e offrirti la nostra consulenza! Contattaci!

Articoli correlati