Stipendio badante e colf: Il minimo secondo il CCNL

Stipendio-ccnl-minimo-colf-e-badante

Diritti e doveri: lo stipendio minimo di colf e badanti, i livelli, gli orari e non solo

Quali sono le ultime novità relative al tema stipendio badante e colf? I doveri di questa tipologia di lavoratore li conosciamo bene, ma cosa possiamo dire sui diritti? In questo può senz’altro darci qualche risposta il CCNL, ossia il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro.

Esso ha modificato in qualche modo la situazione generale relativa ai diritti e ai doveri di tale categoria lavorativa. Oggi scopriremo cosa è cambiato a partire dallo scorso 01 gennaio 2022.

Per farlo, ciò che dobbiamo fare è capire subito come funziona la retribuzione di colf e badanti. A questo proposito, sappi innanzitutto che la retribuzione di una badante dipende da alcuni fattori fondamentali.

In primo luogo, è importante sottolineare che questa categoria di lavoratori deve tenere conto dei vari livelli retributivi. Questi ultimi variano a seconda delle mansioni e dell’esperienza del lavoratore in questione. Entriamo nel dettaglio.

Stipendio badante e colf - retribuzione badanti - retribuzioni badanti conviventi - stipendio badanti

I livelli che possono fare la differenza per lo stipendio minimo

Secondo il CCNL, il livello A è riservato a colf e badanti con meno di 12 mesi di esperienza, che non sono addetti all’assistenza delle persone. Il livello AS è per gli addetti alla compagnia e i babysitter, mentre il B è per collaboratori generici.

Per conoscere i dettagli relativi al tema stipendio badante e colf, è utile inoltre sapere che il BS è il livello inerente all’assistenza a persone autosufficienti. Il livello C è invece riservato ai cuochi e il CS all’assistenza a persone non autosufficienti.

Infine, troviamo il D che si riferisce a maggiordomi, governanti e istitutori, e il DS per i direttori di casa e per chi effettua assistenze più complicate. La retribuzione di colf e badanti può dunque variare a seconda dell’inquadramento del lavoratore.

Per capire a quanto ammonta uno stipendio minimo, si dovrà inoltre prestare attenzione ad eventuali indennità. In più, si potrà aggiungere la tredicesima per arrivare ad eseguire un calcolo ben definito.

In ogni caso, per i lavoratori conviventi si parla dei seguenti stipendi netti minimi mensili:

  • 596,23 € per il Livello A 
  • 716,99 € per il Livello AS
  • 777,36 € per il Livello B
  • 837,73 € per il Livello BS
  • 898,12 € per il Livello C
  • 958,48 € per il Livello CS
  • 1.318,14 € per il Livello D
  • 1.378,51 € (e indennità di 171,04 €) per il Livello DS.

Lo stipendio netto orario dei lavoratori non conviventi:

  • 4,54 € per il Livello A
  • 5,40 € per il Livello AS
  • 5,74 € per il Livello B
  • 6,11 € per il Livello BS
  • 6,47 € per il Livello C
  • 6,84 € per il Livello CS
  • 7,93 € per il Livello D
  • 8,28 € per il Livello DS

Stipendio badante e colf minimo mensile per chi si occupa di assistenza notturna:                                                           

  • 991,15 € per il Livello BS (assistenza per persone autosufficienti)
  • 1.130,01 € per il Livello CS (assistenza per persone non autosufficienti)
  • 1.407,76 € per il Livello DS (assistenza per persone non autosufficienti)

Stipendio badante e colf minimo mensile per la presenza notturna:

  • 648,33 € con livello BS

Le indennità su stipendio minimo giornaliero (Tot 5,81€):

  • 2,03 € per pranzo e/o colazione
  • 2,03 € per cena
  • 1,75 € per alloggio

Stipendio badante e colf minimo orario per assistenza a persone non autosufficienti (solo per la copertura dei giorni di riposo):

  • 7,23 € per il Livello CS
  • 8,81 per il Livello DS.
Stipendio badante e colf - retribuzione badanti - retribuzioni badanti conviventi - stipendio badanti

Cos’altro dovresti sapere quando si tratta di stipendio badante e colf minimo del CCNL 2022?

Per quanto riguarda gli orari e la retribuzione di colf e badanti, bisogna dire che tutti coloro che fanno questi lavori hanno il diritto di riposare per 11 ore consecutive e di usufruire di un giorno di riposo a settimana.

I lavoratori domestici conviventi hanno invece un orario di lavoro di 10 ore al giorno, mentre quelli non conviventi di 8 ore al giorno.

A ciascun dipendente del settore spettano 26 giorni di ferie all’anno, da utilizzare in due periodi distinti e separati. Se il lavoratore è straniero, può accumulare giorni di ferie per un massimo di due anni.

La malattia non rientra nello stipendio badante e colf, ma viene pagata dal datore di lavoro in base a determinati parametri di anzianità lavorativa. Per quanto concerne gli eventuali preavvisi di licenziamento, il CCNL dice che l’entità del preavviso dipende dall’anzianità lavorativa (8-30 giorni di preavviso).

Lavorando con Famiglia Riunita, o richiedendoci il nostro supporto per l’assunzione di colf e badanti, potrai avvalerti della nostra consulenza per quanto riguarda il CCNL e non solo. Non esitare a chiederci ulteriori informazioni.

Stipendio badante e colf - retribuzione badanti - retribuzioni badanti conviventi - stipendio badanti

Articoli correlati