Assistenza domiciliare anziani disabili

famiglia_riunita_anziani_Disabili

Cos’è l’assistenza domiciliare per disabili?

L’assistenza domiciliare per disabili consiste in un insieme di trattamenti erogati in favore di una persona disabile e dei suoi familiari direttamente al domicilio della persona disabile, senza che quest’ultima sia dunque costretta a praticare degli spostamenti poco comodi dal domicilio al luogo di cura e riabilitazione, e viceversa.

La persona disabile è quella persona che presenta una limitazione dunque una menomazione nello svolgere un’attività come nutrirsi, camminare, leggere etc. e l’handicap ne rappresenta invece lo svantaggio acquisito a causa di questa minorazione (che può essere sia fisica che mentale).

Risulta dunque implicito come la persona disabile sia da assistere continuamente nell’espletamento delle attività della vita quotidiana e l’assistenza domiciliare per disabili e anziani nasce proprio con questo intento: quello di favorire, mediante l’intervento di un individuo qualificato, la vita quotidiana di una persona, direttamente al suo domicilio.

Trattandosi di un’attività delicata, è necessario che tale servizio di prestazioni venga erogato esclusivamente da personale adeguatamente formato, aggiornato e istruito nelle pratiche da fornire.

Differenza tra assistenza domiciliare per disabili e assistenza anziani

Lo scopo primario dell’assistenza domiciliare per disabili anziani è di fornire assistenza alla persona direttamente presso la propria abitazione, evitando spostamenti. Questi interventi cercano anche di portare supporto alle famiglie, cercando di arginare gli aspetti negativi della disabilità.

L’individuo incaricato dell’erogazione del servizio fornisce assistenza sanitaria e socio-relazionale alla persona disabile e ai suoi familiari, curando ogni aspetto nell’espletamento delle attività quotidiane di base.

Le figure generalmente predisposte per i SAD sono badanti, infermieri e fisioterapisti riconosciuti dal Servizio Sanitario Nazionale che accudiscono il paziente durante le attività di ripristino della funzione motoria, delle manovre riabilitative e nella cura di sé e e nell’alimentazione.

Il fine ultimo è quello di perseguire e mantenere intatta l’autonomia di base del soggetto.

L’assistenza domiciliare con handicap e i suoi obiettivi

Come si è detto prima, alla condizione primigenia di disabilità consegue uno svantaggio nell’espletamento delle normali funzioni, noto come handicap.

L’assistenza domiciliare per disabili fornisce anche i cosiddetti servizi ADH ossia Assistenza Domiciliare per Handicap, generalmente erogata da professionisti.

Gli scopi di questi servizi di assistenza consistono nella creazione di progetti educativi ad hoc per la persona disabile, in percorsi di inclusione nella vita sociale e di relazione e nel coinvolgimento della famiglia.

Il piano educativo predisposto è generalmente personalizzato ma non è raro che alcuni educatori promuovano anche sedute educative di gruppo o di comunità, favorendo lo scambio sociale e l’interazione in gruppo, fondamentale per persone che sono spesso isolate e con poche interazioni sociali.

Quali sono i servizi offerti

Gli individui incaricati dell’assistenza domiciliare, si preoccupano di fornire tutte le misure di assistenza alla persona disabile sia di natura sanitaria che di natura autonoma come vestirsi, nutrirsi, prendersi cura di sé ed effettuare i giusti interventi di igiene.

Queste misure di servizio assistenziale sono di norma erogate in maniera continuativa o ad intervalli temporali, a seconda delle precise richieste della persona disabile e della sua famiglia e prevedono l’intervento di personale altamente qualificato e pronto a venire incontro a qualsiasi tipo di bisogno o necessità da parte delle persone affette da disabilità.

Articoli correlati