Attività manuali e non per anziani da svolgere in casa e il prezioso supporto della badante

attivita-manuali-e-non-per-anziani-da-svolgere-in-casa-e-il-prezioso-supporto-della-badante

Quali attività manuali e non sono ideali per un anziano da svolgere in casa con il supporto di una badante? La giornata per chi è costretto tra le mura domestiche, soprattutto nel periodo invernale, pare infinita e noiosa, pertanto è importante individuare attività utili per ammazzare la noia e tener vive le abilità manuali e mentali residue.

Mantenere attiva la mente ma anche il corpo, è un aspetto fondamentale per migliorare la condizione di vita dell’anziano. Ecco perché con l’assistenza di una badante sarà utile organizzare passatempi utili da un lato a intrattenere e dall’altro ad allenare e tenere vive le capacità dell’assistito.

Da un lato le attività ricreative quali giocare a dama, scacchi o a carte risultano le più gettonate, dall’altra è bene trovare anche alternative per spezzare la monotonia e creare una sorta di giornata organizzata con lavori ben organizzati.

Quali attività fare con un anziano?

Tenere occupata la mente rappresenta un punto fondamentale per la vita di una persona anziana. Non soltanto per allenare questo muscolo, mantenerlo reattivo agli stimoli e brillante per quanto possibile, ma anche per evitare che la noia e l’isolamento portino al manifestarsi stati di depressione senile.

Ecco quindi che qui di seguito suggeriamo alcune attività manuali e non che potrebbero essere proposte all’anziano per essere eseguite con l’assistenza di una badante:

  • Lettura, considerata da sempre un toccasana per la mente e per lo spirito. Leggere ritarda l’invecchiamento da un lato e dall’altro stimola quella parte del cervello legata alla fantasia e alla creatività. Un passatempo da fare da soli, ma anche con l’assistenza di una badante se le abilità visive dell’assistito lo rendono eccessivamente difficoltoso
  • Cucinare, che si tratti di dolci o salati poco importa. Dedicarsi a questa attività rilassa e stimola l’appetito e la curiosità. Inoltre tenere occupato l’anziano in attività quali affettare frutta o verdura, mescolare o riempire pirottini di muffin, andranno a tenere allenata la motricità fine
  • Cucire, soprattutto se questa è una passione di lunga data per l’assistito. In questo modo non soltanto mente e mani rimarranno occupate, ma si andrà anche qui ad allenare la motricità fine richiedendo questo lavoro precisione e pazienza
  • Bricolage, piccoli lavoretti si intende, che possono andare dall’aggiustare un libro rotto o incollare un oggetto danneggiato. Sembreranno attività banali, ma per un anziano possono da un lato tenerlo occupato e dall’altro farlo sentire utile nel contesto domestico, con ulteriori ripercussioni positive sull’umore
  • Giardinaggio, anche qui lavoretti semplici eseguibili anche da persone con difficoltà di deambulazione. Creare piccole composizioni floreali in vasi, travasare piante e anche seguirne la crescita magari occupandosi di bagnarle e rimuovere erbacce
  • Dipingere, attività rilassante per eccellenza che stimola anche la creatività dell’anziano
  • Ascoltare musica, ampliando le proprie competenze in materia. Non limitandosi soltanto al semplice ascolto, ma anche alla lettura della storia dei vari artisti
  • Ginnastica, semplici esercizi magari studiati con il supporto di uno specialista, che aiuteranno l’anziano a mantenere vive le abilità di movimento.

Questi sono solo alcuni suggerimenti che potrebbero essere utili per chi segue quotidianamente un anziano e desidera fornirgli strumenti utili sia in termini di supporto che per mantenerne attive le abilità residue.

Se desideri ulteriori informazioni e affidarti a badanti competenti e capaci di fornire anche questo tipo di supporto all’assistito, non esitare a contattarci!

Articoli correlati