Perché le attività ricreative per anziani sono importanti?

Le attività ricreative per anziani sono molte e di diversa tipologia. In questo articolo le descriveremo, partendo dalle attività manuali fino ad arrivare a quelle ludiche. Quando si diventa anziani i ritmi cambiano, ma non per questo bisogna lasciarsi andare. Per evitare ciò è fondamentale fornire agli anziani gli strumenti utili per mantenersi attivi sotto il punto di vista cognitivo.

Questa scelta è utile per evitare che essi cadano in depressione e possano sviluppare patologie mentali in grado di intaccare la salute psicologica del soggetto. Scopriamo quindi in che modo le attività ricreative per anziani possono salvare l’ambito sociale di una persona e accompagnarla a vivere al meglio e in serenità gli ultimi anni.

Sono davvero moltissime le attività ricreative per anziani di cui si può disporre sia all’interno di centri appositi, come case di riposo o residence, che in compagnia di parenti o badanti che si occupano di dedicare del tempo a questo lato particolarmente fragile. A prescindere dal tipo di attività che si andrà a svolgere, è molto importante coinvolgere l’anziano dal punto di vista sociale, in maniera tale che possa continuare a sentirsi apprezzato e riesca a far valere la propria figura anche in una società completamente diversa da quella a cui era abituato durante la gioventù.

Grazie alle attività manuali per anziani è possibile mettere in atto una sorta di sviluppo motorio, che permetterà loro di mantenere attive alcune capacità. Tra queste rientrano sicuramente le attività che permettono di sviluppare e mantenere vigile la concentrazione e la soglia dell’attenzione, andando ad utilizzare delle energie assopite che possono essere risvegliate in qualunque momento.

Tra le attività ludiche più praticate troviamo sicuramente il ballo, che non solo permette di relazionarsi ad altri individui, ma consente di beneficiare di alcune sensazioni come quella del tatto, data dall’incontro con altri individui. In questo modo non solo si andrà ad occupare il tempo dell’anziano, che solitamente vive le sue giornate all’insegna della monotonia, ma si metterà in atto un intervento in grado di risollevare le sorti della sua autostima.

Scacchi e dama

Un esempio di attività manuale per anziani che riscuote molto successo è sicuramente il gioco degli scacchi o della dama, grazie ai quali si può valorizzare la propria persona mettendo in atto diverse capacità e strategie. Anche suonare uno strumento musicale può contribuire al mantenimento delle capacità cognitive, in quanto ci si sofferma su delle melodie e delle sensazioni che possono ritardare la perdita dell’udito.

Puzzle

Da prendere in considerazione anche i puzzle, in quanto stimolano la memoria e riescono a sollecitare la concentrazione dell’anziano che vuole mettersi alla prova cercando di raggiungere l’obiettivo finale. Ogni tipo di gioco di società è ben accetto, soprattutto nei casi in cui esso richieda l’intervento di più persone per giocare.

In questo caso infatti, la socialità dell’individuo è spronata a migliorare sempre di più e si crea un senso di competizione fra le varie persone, che si sentono appagate e fanno di tutto per proclamarsi come vincitori indiscussi. In particolari momenti dell’anno, come ad esempio le feste comandate oppure non appena si ha la possibilità di organizzare laboratori manuali, è indicato includere la plastilina o la creta nelle attività manuali per anziani.

Disegno

In questo modo sarà possibile offrire loro dei mezzi coi quali rappresentare gli oggetti che più preferiscono, facendo sì che la loro fantasia non si assopisca con l’età ed essi riescano a comunicare in maniera universale con tutti gli altri. Qualora qualche anziano lo richiedesse, è possibile offrire loro la possibilità di disegnare oppure colorare delle immagini, in modo da poter verificare come il colore prescelto possa rappresentare dei tratti della loro personalità, anche in base all’umore e alle sensazioni percepite in un determinato momento.

Molto bella l’idea di giocare a tombola tutti insieme o fare dei cruciverba rispondendo a turno alle varie domande.

Perché gli hobby sono importanti in terza età?

Raggiungere la terza età è sicuramente un valore aggiunto, poiché un anziano non deve sentirsi un peso per la società, ma deve essere considerato come un saggio che, grazie alle opportunità che ha potuto sperimentare nel corso della sua vita, può fornire consigli utili e preziosi a tutti gli individui più giovani. Proprio per questo motivo è importante non screditare questa fascia di età, ma far sì che ogni individuo possa godere di stimoli in grado di valorizzare la propria persona.

Novità

Dedicarsi ad attività ricreative per anziani può comportare la presenza di diversi stimoli, che possono arrecare diversi benefici sotto diversi punti di vista. Gli uomini, soprattutto in seguito al raggiungimento dell’età pensionabile, tendono a perdere la propria identità, mentre questa evenienza è più rara nel caso delle donne, che continuano ad esercitare la loro funzione di madri e mogli, non focalizzando la propria identità solamente dal punto di vista professionale.

Positività

Svolgere un hobby o dedicarsi ad attività ludiche può far sentire le persone anziane ancora importanti e, soprattutto, capaci di portare a termine un determinato ruolo. Grazie a questa possibilità, la loro visione della vita sarà più positiva ed essi saranno più invogliati a socializzare con le altre persone e a contrastare tutti quei fenomeni che potrebbero innescare sensazioni negative o depressione. In questo caso è assai fondamentale la presenza delle persone care, in quanto non solo faciliteranno la gestione di questi compiti, ma riusciranno a trasmettere alla persona anziana dei sentimenti positivi, grazie ai quali essa sono si sentirà abbandonata.

Ecco perché, anche in questi contesti, è fondamentale la figura della badante, poiché sarà proprio grazie a lei che l’anziano potrà trascorrere la sua giornata alla ricerca di nuovi obiettivi e passatempi.

Articoli correlati